Follow:
Browsing Category:

Recensioni

    Recensioni

    Cartografie sentimentali

    Cartografie sentimentali

    Scrive Robert Macfarlane in Luoghi selvaggi mentre prosegue per sentieri impervi, alla ricerca della wildness, che in qualche modo inquadra persino gli strumenti per orientarsi:

    La mappa a griglia si è dimostrata un metodo straordinariamente efficace per convertire il luogo in una risorsa e per elaborare visioni a grande scala dei paesaggi. È una tecnica a cui si devono innumerevoli benefici e progressi. Ma […] ha finito per distruggere quasi completamente la nostra percezione del valore della mappa come racconto: della cartografia fatta di persona, sentita, sensoriale. […] non dovremmo dimenticarci delle mappe-racconto, perché ci mostrano un modo di muoverci dentro a un paesaggio che abbiamo per lo più disimparato.

    Continua a leggere…

    Share:
    Into the read, Recensioni

    Playlist di dicembre, sul quaderno del 2018

    Playlist di dicembre, sul quaderno del 2018 - interno storie

    31 dicembre cala la serranda dell’anno, fuori l’aria frizzante dell’inverno, l’euforia delle luci e dei brindisi. Tra le bollicine le speranze per i prossimi 365 giorni.
    Sono sempre restia a fare bilanci, a meno che non incidano con gravità sulla mia vita, perché proprio non comprendo il senso di ulteriore frustrazione. Alle promesse ci credo. In passato sono riuscita a manternerle, tranne in un momento di crollo emotivo che mi ha attanagliata qualche mese fa. In questo caso sono venuta meno alle mie parole, a mia discolpa dico che ho fatto un buon lavoro su me stessa. Dimentico quei minuti.
    Se poi ci sono piccole felicità è bene assaporarle. Posso scrivere sul quaderno del 2018: Continua a leggere…

    Share:
    Recensioni

    Su al Nord: il Natale a casa di Tove, Astrid e Selma

    Su al Nord - il Natale a casa di Selma - interno storie

    Nelle moderne festività invernali il Natale è stato molto influenzato dai riti nordici (persino religiosi) più che da quelli cattolici: in particolare confluiscono i simboli del solstizio d’inverno e certi e del paganesimo. L’attesa dei regali, le luci, i profumi pungenti e golosi, la cura per gli affetti. Uno spirito in qualche modo rispolverato da una certa pratica hygge.
    Il Natale è stato oggetto di narrazione, dalle fiabe ai saggi, tradizione di certa letteratura soprattutto inglese. Ma dal Nord, che alimenta il nostro immaginario, tre scrittrici scandinave, Tove Jansson, Astrid Lindgren e Selma Lagerlöf, maestre del racconto breve, hanno dedicato molte righe alle atmosfere festive – che siano modeste, lungimiranti o strampalate – sono comunque dense dall’aurea magica di questi giorni. Continua a leggere…

    Share: