Follow:
I piccolini

I piccolini – Disegnare in fondo al mare di Harriet Russell

Disegnare in fondo al mare di Harriet Russell - interno storie

Il mare alimenta l’immaginario collettivo attraverso la letteratura e l’esperienza personale, luogo al quale torniamo, teatro di appassionanti avventure con secchiello e paletta.
Muta nei riflessi, custode di tesori e storie infinite come i sassi che si collezionano per ricordarsi delle vacanze.

[…]
se poi ti guardassi intorno
vedresti che il nostro mar
è pieno di meraviglie,
che altro tu vuoi di più!
in fondo al mar! in fondo al mar!

Canta Sebastian per dissuadere Ariel, curiosa di vedere la terra emersa. Infatti, nasconde un mondo popolato da colori e specie animali.

Con Corraini, Harriet Russell ha pubblicato Disegnare in fondo al mare, un quaderno di attività per nulla banale da portare sulla spiaggia: bisogna munirsi di matite colorate e meraviglia.
Quello dell’illustratrice è un universo sottomarino che sorprende per i tratti essenziali e per la costante attenzione a mettere alla prova la propria creatività.

«Il mare è molto, molto importante. Circa il 70% della superficie terrestre è coperta d’acqua, principalmente marina».
Come si è formato? Quale oceano è il più esteso? Domande legittime, doverose che introducono alla materia della nostra discussione, ma «ok, ora basta, si disegna!». E non solo, si immagina, si costruisce, si sperimenta e soprattutto si trasformano le conoscenze acquisite in nuove forme. Si allena la fantasia.

Disegnare in fondo al mare di Harriet Russell - interno storie

Dalle tante sfumature dell’acqua, alle improbabili cene dei pesci a base di bistecca e patitine fritte, a imbarcazioni curiose come la banana boat: c’è da spettarsi questo e altro. Il forte senso ironico è un elemento preponderante di questo albo che non teme di identificare il Mar Rosso e Nero come serbatoi rispettivamente di cose rosse e nere. È impossibile annoiarsi.

Disegnare in fondo al mare di Harriet Russell - interno storie
Si parla di balene, tatuaggi, pesca, di saliere, energia del maree, costellazioni accompagnati da qualche suggestione letteraria. Pagina dopo pagina il mare viene sviscerato in tutte le sue molteplicità e reso accessibile ai più piccoli così da poter esplorare i fondali senza boccaglio e maschera, comprendere che l’ambiente marino non è solo sabbia dorata e acqua cristallina, che è necessario rispettarlo.

Disegnare in fondo al mare di Harriet Russell, Corraini, 2013, età di lettura dai 6 anni

Salva

Commenti da Facebook

Share:
Previous Post Next Post

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Commento

Lascia un commento