Follow:
Into the read

Cose belle su Instagram: libri, parte seconda

Cose belle su Instagram: libri

Prima di passare a nuovi temi, per la seconda puntata di Cose belle su Instagram mi sono ancora soffermata sulle questioni editoriali in occasione dell’imminenti Giornata mondiale del libro del 23 aprile e del successivo Il maggio dei libri (è in programma una bella iniziativa). Ancora una volta vi suggerisco tre profili di utenti che in misura differente si confronto e arricchiscono i loro spazi di interessanti spunti letterari.

 

Mattia Tortelli

Lettore appassionato e curioso, inagura la settimana con Libri di lunedì, consigliando un bel titolo. Ha anche un gruppo lettura, Pagine fragili, che mensilmente si riunisce (in carne e ossa) alla libreria La storia di Crema per discutere del libro del mese.

Sopravvissuti alla Pasqua ecco il libro scelto per il #GDL di questo mese: "Le cose che restano" di Jenny Offill (@nneditore). "Il padre di Grace crede nella scienza e costruisce per la figlia una casa di bambole con luci che si accendono davvero. La madre di Grace le racconta leggende africane e trascrive la storia dell'universo in una stanza dalle pareti dipinte di nero. Grace ha otto anni e la sua vita è come un labirinto da cui si diramano sentieri per altri mondi, fatti di numeri e fiabe, assurdità e meraviglie: ma poco alla volta anche quei mondi sbiadiscono, e la sua famiglia si disgrega". Una storia di rotture, di viaggi e di scelte. Un'altra grande protagonista femminile: un'altra moderna eroina errante che incontriamo nel nostro percorso. Ci vediamo venerdì 27 aprile alle 20.30 da @simo_librerialastoria per parlarne insieme. 📖 #buonalettura e buon #libridilunedì! 📚

A post shared by Mattia Tortelli ✒ (@mattia.tortelli) on

 

Angelica Suman

Si districa tra classici e novità, tra Virginia Woolf e Laia Jufresa. Il suo punto di forza: studio approfondito delle sue letture. È una lettrice puntuale.

Ps: ha due gatti.

 

Booklovers

Daniela è una… booklover, anche lei come Angelica, è minuziosa e attenta. Non mancano i riferimenti e le letture giornalistiche.

Dal 15 ottobre al 10 dicembre 1946 lo scrittore svedese Stig Dagerman (23 anni), scrive una serie di articoli per documentare la situazione della Germania (viaggiando tra Amburgo, Essen e Francoforte)nel suo anno 0. 《Sulle crudeltà commesse in passato dai tedeschi dentro e fuori la Germania non ci possono essere opinioni diverse, perché sulla crudeltà, da chiunque sia commessa, non si può avere che una sola opinione. Un altro problema è se sia ora corretto o se non sia a sua volta crudele considerare le sofferenze dei tedeschi- di cui tra l'altro si parla in questo libro- come giuste in quanto indubbie conseguenze di una fallita guerra di conquista. Già da un punto di vista giuridico questo modo di considerare le cose è estremamente errato, poiché la sofferenza tedesca è collettiva mentre le crudeltà tedesche, nonostante tutto, non lo furono》. ▪AutunnoTedesco è l'opera di un poeta che partecipa alla sofferenza degli umiliati senza per questo dimenticarne le colpe. (Fulvio Ferrari) ▪ Di fronte al corto circuito linguistico e morale che pervadeva i testimoni tedeschi, Dagerman compì un'operazione coraggiosa: si assunse la responsabilità dello sguardo. La responsabilità di raccontare ciò che per quasi tutti era meglio lasciare sepolto fra le macerie. (Giorgio Fontana) #Iperborea #stigdagerman #bookstagram #bookphoto #leggere #reading #instalibri #instabook #italiainlettura #booksbooksbooks

A post shared by @ booklovers.dv on

 

Libretto Reviews

Erica – made in Sardinia ma lives in Australia – già mia ospite per Comodini, legge thriller e gialli soprattutto in lingua inglese: per chi pratica la lingua e il genere può consigliarvi dei titoli nuovi.

I’ve never stopped reading fantasy since I ‘ve learned how to read✨ • After a full 2017 almost fantasy-less am now back in full force. I have finally listened to a friend recommendation and started The KingKiller Chronicles. • I can see a lot of influences here. There is trio of friends studying in a magical university ( one of them, the main character , is very poor but incredibly talented), there is a professor that hates him and a rich fellow student that is his nemesis. There is school that has a library with all the knowledgeable of the world, much like the Citadel in The Chronicles of the Fire and Ice and a legendary and mysterious enemy to defeat. The style is very similar to Abercrombie’s and in a nutshell, is all I love about epic fantasy in one book. • Now, shall I jump right in to the next? … Dopo un’anno quasi totalmente privo di fantasy ora sono tornata in piena forma più che mai. Ho finalmente ceduto al consigliò di un amico e mi sono decisa a leggere IL NOME DEL VENTO che fino ad ora mi pare pieno zeppo di riferimenti ad altre grandi saghe fantastiche. Ora rimane il dubbio amletico, salto al prossimo volume immediatamente o mi gusto la serie senza fretta e leggo qualcosa di diverso nel mezzo? . . #readfantasy #thekingkillerchronicle #thenameofthewind #ilnomedelvento #patrickrothfuss #currentlyreading #stoleggendo #sulcomodino #aussiereaders #myreadinglife #bookishhygge #readersofig #leggere #libridine

A post shared by 𝑒𝓇𝒾𝒸𝒶 (@libretto_reviews) on

 

Commenti da Facebook

Share:
Previous Post Next Post

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Commento

Lascia un commento