Follow:
Recensioni, I piccolini

I disegni arrabbiati di Italo Calvino

IdisegniarrabbiatidiItaloCalvino-LittleMissBook
I disegni arrabbiati è stato pubblicato sul «Corriere dei piccoli» nel 1977 e nella bella edizione illustrata di Giulia Orecchia per Mondadori, un racconto divertente e breve dai colori vibranti su come funziona il cervello dei maschi, sulla creatività come linguaggio comune e su come un’amicizia possa facilmente decollare. E poi con Calvino si va sempre sul sicuro.

Lodolinda ama disegnare e i suoi disegni rispecchiano il suo stato d’animo, è una bambina paziente.

Un pomeriggio, i genitori la lasciano in compagnia di Federico, figlio di amici di famiglia. La piccola ha progettato qualche ora in tutta tranquillità per dedicarsi al suo hobby preferito. Intenzione infranta con l’arrivo dell’irrequieto e antipatico Federico, il quale subito dimostra la sua prepotenza prendendo carta e pastelli: «Cos’è che fai? Cos’è che fai?», dice Federico. Ah! Disegni! Fammi disegnare anche a me!».
 
Tra i due inizia una battaglia a colpi di matite e fogli, pagine infinite che vedranno spiegati tigri, cow boy, piraňa, indiani. «Quando arrivano i nostri, la storia è bell’e finita…» Macché, un bisonte inferocito minaccia i due bambini, per salvarsibasta prendere un foglio candido e tutto ricomincia.
Lodolinda e Federico hanno i nomi dei personaggi delle fiabe, di dame e cavalieri. E con i colori ne inventano di nuove.
 

 

Titolo: I disegni arrabbiati
Autore: Italo Calvino, Giulia Orecchia
Editore: Mondadori
Pagine: 96
Anno di pubblicazione: 2013
EAN: 9788804627197
Prezzo di copertina: € 9,00
Età di lettura: dai 5 anni

Commenti da Facebook

Share:
Previous Post Next Post

Potrebbe interessarti anche...

1 Commento

  • Reply Diritti nei libri

    […] 📚 I disegni arrabbiati di Italo Calvino e Giulia Orecchia (Mondadori) è un altro libro in cui la rabbia non si risolve, o meglio si risolve ma poi riprende. Già, è proprio così, un litigio spesso ha una pausa prima di ripartire. Qui Calvino ci racconta un litigio, un’antipatia che sfocia in una battaglia simbolica ma ferocissima, un’avventura che alla fine unisce i due litiganti, ma… C’è Lodolinda che ama disegnare ed esprimersi attraverso il tratto libero delle matite colorate; c’è Federico che alla bambina “non è simpatico proprio per niente”. I loro genitori sono fuori insieme e i due bambini sono soli in casa. La rabbia di Lodolinda si tramuta subito nel disegno di un toro inferocito che sta partendo alla carica. Ben presto arriva Federico, dispettoso e arrabbiato pure lui, che inizia a disegnare e col disegno entra in relazione con Lodolinda. Ciò che accade nelle pagine a seguire è un impietoso combattimento inferto a colpi di disegno, con i le forme che mutano e si trasformano come veri personaggi di una storia, quella che i due bambini stanno di fatto stanno, e inconsapevolmente, creando. Un racconto divertente e mozzafiato, ricchissimo come solo la fantasia dei bambini sa essere. La conclusione fa sorridere e strizza l’occhio ai bambini. Lo consigliamo a partire dai 5 anni. […]

    26 novembre 2018 at 21:32
  • Lascia un commento